Calcio: "È una grande avventura che finisce", dice Der Zakarian dopo la notizia della sua partenza dall'MHSC

Qualche istante dopo la sconfitta subita contro il Saint-Etienne (1-2), domenica 2 maggio, a La Mosson, l'allenatore del Montpellier è tornato all'annuncio della sua uscita dal club a fine stagione.

"È diverso rispetto alla scorsa settimana a Nizza (sconfitta per 3-1). Abbiamo avuto molte assenze. I giocatori hanno cercato di fare quello che potevano. Siamo partiti bene ancora una volta. Con i gol che prendiamo, dobbiamo difendere molto meglio … è complicato.

Nel secondo tempo abbiamo avuto molte difficoltà, nella dimensione atletica loro erano più forti di noi, è frustrante. Dobbiamo riavere i nostri giocatori chiave. Dobbiamo giocare bene contro lo Strasburgo (domenica prossima). Non dobbiamo abusarne.

È tutta la squadra che non andava bene

Quando sei un giovane giocatore, quando hai la possibilità di giocare, devi mostrare carattere, invidia, qualità. Non è solo colpa loro. È tutta la squadra che non è andata bene.

Partiamo dopo quattro anni buoni. Ho preso il controllo della 17esima squadra, abbiamo fatto quattro anni nella top 10, con il nostro budget, ogni volta non siamo lontani dall'Europa. È il calcio, sono quattro grandi stagioni con il Montpellier e 22 anni qui da giocatore e poi da allenatore. È una grande avventura che volge al termine e spero di riprendermi altrove.

Non ci sono affatto rimpianti, anzi

Non ci sono affatto rimpianti, anzi, mi sono divertito con tutti i componenti del club. Abbiamo lavorato bene. Oggi si ferma, questa è la vita di un allenatore.

Gliel'ho detto ieri mattina. Ne ho discusso con Andy questa mattina. È un bravo ragazzo. È generoso, è nella vita e nel campo ".